skype-valentina-gherardi

Crea una community che si innamori del tuo brand

Indice

crea-una-community-che-si-innamori-del-tuo-brand-valentina-gherardi-i-miei-appunti
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter

La creazione della propria community online rappresenta un viaggio incredibile! Esattamente come Roma che non è stata costruita in un giorno, lo sviluppo di una propria comunità è un processo che richiede pazienza e concentrazione per far aderire, in modo significativo, le persone e farle innamorare di noi.

Premetto che per iniziare a vedere risultati concreti, può volerci fino ad un anno o più. Questa linea temporale può far sentire a disagio i più intrepidi, tuttavia, con una bella dose di pensiero strategico e di pianificazione, potrai partire con il piede giusto ed evitare quegli errori, dettati dalla fretta e che altri prima di te hanno già fatto.

Lanciare correttamente una community richiede tempo per ricercare, pianificare e allineare la tua strategia prima che i membri si uniscano alla tua nuova casa. Quindi, pensa in modo significativo alla tua offerta di valore e non affrettare il processo anche se lo so…è difficile resistere!

Iniziamo: Conosci il tuo brand

La tua brand community sarà il riflesso del tuo brand personale, sia che tu sia un imprenditore, un neolaureato o un libero professionista. Il primo passo nel tuo processo è quello di immergerti in una profonda autoanalisi.

Ecco alcune domande che puoi farti e che ti invito a mettere nero su bianco:

  • Cosa guida il tuo lavoro?
  • Come comunichi i tuoi valori?
  • Qual è la tua purpose, vision, mission, values?
  • In che modo la costruzione di una community aiuterebbe il tuo brand?
  • Come puoi aiutare i membri della community?
  • Chi è il tuo pubblico/cliente/utente tipico?

 

Le risposte ti forniranno la struttura necessaria per impostare la tua strategia. Serviranno anche come base per i motivi per cui i membri vorranno unirsi. Ma non fermiamoci qui! Allo stesso tempo, pensa anche se e chi potrà agire come ambassador del tuo brand.

Ci vuole un villaggio per ospitare ed alimentare una community di successo ed avrai bisogno di sostenitori all’interno di essa per aiutarti.

Imposta i tuoi obiettivi e crea la tua strategia

Una volta prese le redini del tuo brand arriva il momento di rimboccarsi le maniche e saltare! Dietro ogni grande community c’è un solido piano strategico: lavora per raggiungere gli obiettivi di cui beneficeranno sia i membri della community che i principali stakeholders con la quale verrai a contatto.

Ora prova ad immaginare di costruire la tua comunnity: il risultato finale a cosa assomiglia? Stai fornendo contenuti formativi, notizie, eventi, assistenza, o tutti questi elementi insieme? Questo influenzerà tantissimo la tua lista degli obiettivi.

Se non hai mai fissato un obiettivo di branding prima d’ora, un ottimo punto di partenza è utilizzare il metodo SMART che sta per Specific, Measurable, Attainable, Relevant, Timely. I tuoi obiettivi possono i più diversi come ad esempio: il coinvolgimento della comumunity, la sua crescita, il contenuto o il feedback del tuo prodotto o servizio, ma saranno comunque tutti collegati tra loro da una strategia coesiva.

Di solito, quando si avvia una community è diffuso che il primo obiettivo sia la crescita…la crescita…e ancora la crescita.

Tuttavia, ormai dovresti averlo capito dai miei articoli, il successo a lungo termine inizia in modo lento. Un obiettivo super popolare sempre legato alla crescita è spesso “Vorrei avere 1.000 membri il più presto possibile“. Ecco vorrei incoraggiarvi a pensare con più lungimiranza e fuori dagli schemi.

A cosa serve avere 1.000 membri se 1.000 persone si iscrivono nel primo mese e non tornano più? Oppure, hai 1.000 persone e nessuno contribuisce attivamente?

Esempio pratico di obiettivo SMART:

Entro 90 giorni vorrei avere 1.000 persone che si uniscono alla mia community di cui il 75% ha compilato il mio questionario, il 30% ha postato qualcosa all’interno della comunità e il 15% si è collegato grazie a qualcun altro.

Questo obiettivo è specifico e misurabile, dovrebbe essere raggiungibile, e ha una sua scadenza temporale a definizione del successo. Molte tattiche dovranno essere piccole e minuziose. Dovranno definire il “come” raggiungere questo obiettivo!

  • In che modo promuoverai questa community per far aderire 1.000 persone?
  • Come costruirai il percorso per portare il 75% a compilare completamente il questionario?
  • Come incoraggerai le persone a contribuire attivamente e ad impegnarsi con gli altri per connettersi?

 

Quando si inizia a costruire una community bisogna avere più obiettivi per cui lavorare. Quello di cui ti ho parlato poco fa si concentra soprattutto sulla crescita e l’acquisizione. Un secondo dovrebbe concentrarsi sull’impegno e potrebbe prendere in considerazione un evento online, come ad esempio un webinar.

Questa potrebbe essere un’opportunità per farti conoscere meglio come professionista ma anche di portare i tuoi membri a confrontarsi tra di loro. Otterrai un senso di coesione ed appartenenza ed incoraggerai le persone non solo ad unirsi, ma ad imparare qualcosa o a sentirsi collegati ed affini a qualcuno.

Questa è la differenza tra un pubblico e una community.

Dove vivrà online la tua comunità online?

Decidere la sede di una community è un passaggio molto importante! Può esistere ovunque online, sia nei gruppi Facebook, nelle chat di Twitter, negli hashtag di Instagram o nei siti web aziendali.

Ci sono vantaggi oggettivi nell’avere uno spazio dedicato all’interno delle grandi piattaforme social grazie ai benefici dell'”effetto rete” e della facilità di connessione con gli altri, su luoghi in cui già interagiscono. Ma esistono anche svantaggi come ad esempio non avere solide capacità di community management oppure trovarsi su piattaforme non popolate dal proprio target e quindi non interessate a conoscere il tuo brand. Qui ti invito a rivedere la tua analisi strategica.

Alcuni aspetti da considerare

  • La comunnity è aperta a tutti o si accede dopo aver risposto ad alcune domande?
  • Sei in grado di moderare le discussioni?
  • Quali sono le opportunità di coinvolgimento?
  • Come intendi analizzare e misurare i risultati?
  • In che modo gestirai i contenuti?

 

Il mio consiglio, prima di imbarcarti in questo viaggio è iscriverti come membro di altre community. Osserva come gli utenti partecipano e come la pagina viene animata. Se c’è valore all’interno di ciò che viene condiviso e come viene fatto. Interagisci attivamente e comprendi se hai le capacità oggettive, in termini di tempo e risorse per affrontare questo progetto.

A questo punto hai il via libera: Crea la tua community e falla innamorare del tuo brand.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla mia newsletter

APPUNTI CORRELATI

Che ne dici,
entriamo in contatto?

Parlami di te! Inviami una mail a hello@valentinagherardi.it o scrivimi al form qui sotto.
VALENTINA-GHERARDI-ICONA-V